La vita è come andare in bicicletta. Per restare in equilibrio devi muoverti
Albert Einstein

La bicicletta la si usa per fare attività fisica, come mezzo di trasporto o di semplice svago. Non inquina e mai come negli ultimi anni è diventata il simbolo di una nuova generazione di uomini e donne che scelgono con attenzione ogni dettaglio di uno stile che si fa carattere e poi tendenza di moda. Moda che la strada amplifica e ispira.
Ma oggi si vuole fare anche altro, aggiungere un pezzo di strada in più in pratica, incorporare la bicicletta nell’arredamento di casa, farla uscire da una eventuale soffitta in inverno o dal garage quando rientrate a casa dall’ufficio. Pensate di attaccarla al soffitto, o in primo piano con dietro un muro di mattoni bianchi. Parcheggiatela in corridoio, fatele assumere delle funzioni anticonvenzionali e sarete entrati nel nostro mondo.

Nasce con queste premesse la linea di bici firmate da Amerigo Milano e declinate in tre varianti capaci di andare incontro a tutti i palati, anche i più fini e difficili, ecco perché sarà possibile scegliere tra la classica con il cambio automatico o la variante con pedalata assistita.

Leopoldo è la versione base da uomo, con i guanti in pelle in coordinato e la borsa per il pc, Leopolda è quella studiata per la donna, con la tracolla abbinata e il porta iphone con relativa cassa armonica abbinata. Dopo, molto dopo è arrivata in casa Amerigo Milano, Isidoro: quanto di più bello sia mai stato concepito intorno ad una bici. E’ una speciale edition, perché brilla come l’oro che la riveste.

Ma facciamo un passo indietro, non certo fino ai capelli del buon vecchio Einstein spettinati e al vento, lui che amava quell’attrezzo con due ruote, quasi quanto i numeri e le formule. Andiamo indietro fino alla ricerca costante e incessante intorno ad un prodotto, le bici Amerigo, che si fannoaccessorio, che restano made in Italy, e diventano speciali perché artigianali e belle perché concepite per piacere a chi del buon gusto ha fatto la sua ragion di vita. Biciclette personalizzate e personalizzabili con il nome del proprietario, impresso in un dettaglio in pelle ricamato a mano. Perché è ciò che da valore, quel nome. L’essersi scelti.

Dove ci troviamo? L’alba di ogni singolo pezzo di quelle bici è in Brianza, a pochi km dal lago di Como. Dietro c’è un team di professionisti ma anche di storici dell’arte della bici e poi c’è lei, la passione, come quella incondizionata di Isidoro, 67 anni di vita alle spalle e un amore per le bici che non dovrete neppure provare a definire mestiere: è nato tutto facendo la manutenzione della sua bicicletta, il tempo ha fatto di lui un meccanico della bici. "Assemblo pezzi" sentenzia – maneggia telai, racconta dei bravi telaisti che hanno portato in alto i nostri colori e poi aggiunge: "A me piace la bici non il mondo del ciclismo, oggi ti diverti anche a giocare con tanti nuovi materiali che ai miei tempi non c’erano, o semplicemente erano considerati troppo nobili per usarli per una bici, parlo del carbonio, del titanio, di un certo tipo di legno o pelle. Ricordate però che una buona bici è una geometria ben riuscita, nient’altro."

Un tempo erano solo bici, l’idea ci riporta all’infanzia, oggi sembrano delle piccole macchine da corsa, i limiti sono alti, come la cura nel dettaglio, come i vestiti che le andremo a cucire addosso: pensate alla cartella CYCLE BAG realizzata in pelle intrecciata, utile porta MacBook , al cestino multifunzione sfoderabile, al porta MacBook in pelle. Pensate al tempo passato a scegliere il modello da portare a casa, nella propria vita. Perché infondo è di quello che stiamo parlando, di un pezzo della nostra vita. Futura.

Amerigo Milano con la sua proposta di biciclette vuole così provare a regalare un’emozione, attraverso l’unicità di un pezzo che si fa accessorio moda e componente inscindibile di uno stile senza tempo.